Per informazioni chiama il
333 8926334

Borgo S. Pietro, 58 - Cividale Del Friuli

Web Marketing: FJ Immobiliare al pari delle grandi aziende italiane nella comunicazione aziendale

 

FJ Immobiliare e web marketing:
come abbassare i costi per la pubblicità
ed avere miglior resa

Buongiorno amico lettore,
oggi vi proponiamo una discussione riguardante l’utilizzo dei social networks nelle aziende italiane. Come tutti ben sapranno questa è una tendenza molto diffusa al giorno d’oggi e sentiamo di affermare che mai come oggi il nostro paese rimane attento agli strumenti di marketing gratuiti per promuovere il proprio brand.
Il social network è diventato il primo mezzo per effettuare il passaparola e noi della Forum Julii ci teniamo a non tediare i nostri possibili clienti con spam noiosi tanto quanto inutili, ma preferiamo generare interesse mediante la pubblicazione di articoli sul nostro blog e sui vari social networks.
In particolare trattiamo, come ben saprete, di tutta una serie di argomenti che possano essere utili a valorizzare il nostro territorio ed anche l’azienda. Non è interesse pubblicare solo ed esclusivamente notizie riguardanti i nostri affari immobiliari: nel nostro blog e sulla nostra pagina di facebook troverete un sacco di chicche riguardanti soprattutto l’attualità. E’ un’impronta un po’ curiosa, ma sicuramente “vincente”…il nostro pubblico non si deve annoiare sentendo parlare solo ed esclusivamente di case ed affari, ma deve essere ben informato su quanto di buono nel mondo sta succedendo! Scelta giusta o sbagliata che possa sembrare, noi la porteremo avanti.

 

E quanto detto sino ad ora trova pieno supporto nell’indagine condotta da HSM Italia, azienda leader nell’executive education, in occasione del Seminario con Charlene Li, Fondatrice di Altimeter Group, tenutosi a Milano (fonte: spotandweb.it ) .
“Le reti sociali stanno trasformando i mercati e i settori con un impatto innegabile per mano del fattore più potente: il cliente. La crescita dei social media influenza tutti gli elementi del business, dalla leadership, al marketing, all’innovazione, e le imprese italiane sembrano aver compreso l’efficacia e la necessità di introdurre i social media tra i principali e tradizionali canali di comunicazione per attivare nuove relazioni con i consumatori.
Dall’indagine realizzata da HSM Italia, emerge che il 50% degli intervistati utilizza i social media nelle azioni di digital marketing e comunicazione della propria azienda, e, tra questi si conferma al primo posto Facebook per l’85% delle aziende, Youtube per il 63%, Twitter per il 48% e Linkedin per il 27% dei partecipanti. Dati che riflettono l’utenza italiana dei social network: il popolo dei navigatori è costituito da circa 34,4 milioni di individui* e tra questi si contano 16,5 milioni di account Facebook, 1,3 milioni di account Twitter e oltre 2 miliardi di visualizzazioni al giorno su Youtube.
I social media vengono riconosciuti soprattutto per essere validi strumenti di informazione (69%) e di relazione con clienti e consumatori, in grado di favorire e sviluppare il dialogo e l’interazione (61%). Co-progettare e raccogliere feedback e suggerimenti su prodotti e servizi, mettendo al centro i clienti, è, invece, per la metà della aziende, una delle principali finalità nell’utilizzo dei social network, modalità per comunicare in modo diretto, veloce ed esclusivo.
Anche dal punto di vista delle risorse umane, i social media stanno guadagnando terreno: circa il 15% delle imprese li utilizza per attività di recruiting, mentre il 20% li considera utili strumenti di comunicazione interna.
Ma è la spesa per gli investimenti sui media sociali che sembra essere non allineata con il trend di crescita delle nuove tecnologie sociali e discordante rispetto al loro potere trasformatore, seppur il costo degli strumenti necessari per generare valore in questo settore sia relativamente basso. Meno dell’1% del budget totale di comunicazione e advertising viene destinato all’utilizzo dei social media da oltre la metà delle aziende italiane, il 53%, grande parte delle quali stanno implementando progetti in ambito social network solo negli ultimi sei mesi, 41%.
Il budget investito per attività sui social network corrisponde per il 40% degli intervistati a meno di 1.000 euro al mese, attività che per la grande maggioranza 82% viene svolta dalla divisione comunicazione e PR. Ottimismo però si è dimostrato in merito ai livelli di budget previsti per il futuro: l’81% degli intervistati ha dichiarato che i prossimi sei mesi vedranno un incremento degli investimenti nell’utilizzo delle nuove tecnologie sociali, a dimostrazione dell’affermazione condivisa da oltre l’80% dei manager per i quali i social media rappresentano nuovi e potenti canali di passaparola.
Il panel dell’indagine è composto per il 58% da imprese di piccole e medie dimensioni e da grandi aziende per il 42%, operanti principalmente nel settore dei beni di largo consumo e di elettronica di consumo, rappresentativo del tessuto imprenditoriale italiano.”

Ci auguriamo, caro lettore, di non averti annoiato con questo articolo. La situazione è dunque chiara e ben delineata: il web marketing è molto efficace e soprattutto molto comune. L’aumento degli investimenti in suo favore ne è la principale dimostrazione.
Svincolarsi dalla pubblicità comune e noiosa da cui siamo letteralmente invasi dovrebbe essere l’obiettivo di un’azienda attuale. Così come FJ Immobiliare insegna!
Un saluto affettuoso dal vostro blog e buon weekend a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *