Per informazioni chiama il
333 8926334

Borgo S. Pietro, 58 - Cividale Del Friuli

I preziosi consigli della FJ Immobiliare per la scelta del proprio mutuo

FJ Immobiliare:
i nostri consigli
per la scelta
del miglior mutuo.

 

 

Buongiorno amico lettore,
oggi abbiamo intenzione di affrontare l’annosa questione della richiesta di un mutuo per chi volendo acquistare un immobile non dispone di credito sufficiente.

E’ cosa risaputa che purtroppo i mutui in Italia costano più che nel resto dell’Europa. Il motivo è dato principalmente dal fatto che il costo di accesso al credito delle banche italiane è più alto rispetto alla media degli interessi per rifinanziarsi pagati dagli istituti dei restanti paesi del nostro caro Vecchio Continente. Per questo motivo, ed anche a causa dell’incertezza in cui regna il bel paese, si tende ad essere più restii nelle richieste di mutui.
Ma ciò di cui abbiamo accennato sopra non deve assolutamente sconfortarci dal realizzare l’acquisto dei nostri sogni. Si sa, l’Italia e l’italiano nello specifico storicamente sono sempre stati molto legati al risparmio del credito e all’acquisto, per lo meno, della prima casa. E siccome non vogliamo che si rinunci ad avere quattro mura di proprietà, vi indichiamo sotto una serie di accorgimenti da seguire per evitare errori in fase di richiesta mutuo.

 

1) Innanzitutto è fondamentale non limitarsi a chiedere il mutuo presso la banca presso cui si ha il conto corrente. La ragione è molto semplice: gli istituti di credito cambiano la strategia sui mutui di trimestre in trimestre. Quindi, se una banca ha un’offerta competitiva in un periodo dell’anno non è detto che la mantenga anche in seguito. E, soprattutto, non è detto che la banca più competitiva sul mercato sia proprio quella presso cui si detiene il conto corrente.
2) Per questa ragione è bene cercare le migliori offerte costantemente sia online (attraverso portali che offrono servizi di intermediazione) che allo sportello. Oppure rivolgendosi a un mediatore creditizio qualificato che operi in totale assenza di conflitto di interessi ed in grado di presentare un’ampia offerta non solo limitata a 4-5 banche preferenziali.
3) Scegliere il tasso in base alla propria propensione al rischio. Quindi chi ha paura di non dormire sonni tranquilli temendo rischiose impennate del tasso variabile dovrebbe valutare l’ipotesi di un fisso, ma solo se competitivo e non troppo distante dal tasso della Bce (che in questo momento è fissato allo 0,75%). Va però tenuto conto che in Italia le banche utilizzano il piano di ammortamento che prevede il pagamento della maggior parte degli interessi nei primi anni del piano di ammortamento. Ed è questo il motivo per cui il tasso variabile quasi sempre vince il confronto della convenienza, perlomeno in partenza, con il mutuo a tasso fisso. Molti esperti convergono che l’importante è partire con un tasso aggressivo nei primi anni in modo tale da risparmiare un gruzzolo importante che potrebbe essere eventualmente utilizzato in caso di un eccessivo rialzo dei tassi (peraltro poco probabile in tempi di contrazione economica).

Questi dunque sono i nostri consigli (fonte: www.mutui.supermoney.eu) per la scelta del proprio mutuo. Non fatevi dunque ingannare dal periodo attualmente in corso nel nostro paese. Acquistare una casa e ottenere non è sicuramente così facile, ma non impossibile.
I nostri esperti sono a vostra disposizione per scegliere la soluzione più adatta a voi sia per la scelta della casa che del mutuo. Contattateci!!!
Un abbraccio virtuale dal vostro blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *